Area B di Milano

Cosa è Area B?

Area B coincide con gran parte del territorio della città di Milano, Èuna zona a traffico limitato con divieto di accesso e circolazione per i veicoli più inquinanti oltre a quelli con lunghezza superiore ai 12 metri che trasportano merci.

L’accesso, ove consentito, non è soggetto a pagamento.

Quindi divieto di accesso ai veicoli maggiormente inquinanti dal Lunedì al Venerdì dalle 07.30 alle 19.30 escluso i festivi, divieto di accesso ai veicoli ingombranti superiori a 12 metri di lunghezza sempre negli stessi giorni e orari escluso i festivi e accesso controllato con monitoraggio dei veicoli categoria EX II e EX III classe 1 ADR classificati come trasporto esplosi in colli dal Lunedì alla Domenica dalle 00.00 alle 24.00

Veicoli esclusi dal divieto di accesso

Non sono previste scadenze per le seguenti tipologie di veicoli:

  • Veicoli immatricolati per il trasporto delle persone
    • Autoveicoli Euro 5 e 6 benzina
    • Autoveicoli GPL, metano, bifuel, ibride ed elettriche
  • Veicoli immatricolati per il trasporto delle merci
    • Autoveicoli Euro 5 e 6 benzina
    • Autoveicoli GPL, metano, bifuel, ibridi ed elettrici
  • Ciclomotori e Motoveicoli
    • Ciclomotori e Motoveicoli a due tempi di classe Euro 5, a benzina 4 tempi di classe Euro 4 e Euro 5
    • Ciclomotori e Motoveicoli GPL, metano, bifuel, ibridi ed elettrici​
    • velocipedi senza obbligo di registrazione
    • autoambulanze senza obbligo di registrazione in quanto riconoscibili dalla targa
    • veicoli delle Forze Armate, delle Forze di Polizia, della Polizia Locale, della Croce Rossa Italiana, degli Ospedali, della ATS, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile senza obbligo di registrazione in quanto riconoscibili dalla targa speciale
    • veicoli che espongono il contrassegno invalidi il cui titolare sia a bordo del veicolo senza obbligo di registrazione in quanto tale adempimento viene espletato al momento del rilascio del Pass Disabile (visitare la Sezione Servizi online > Mobilità > Servizi per le disabilità)
    • veicoli per trasporti specifici muniti permanentemente di speciali attrezzature per il trasporto dei disabili motori: gli interessati devono obbligatoriamente registrarsi al servizio on-line Area B accessibile dal Portale Internet del Comune di Milano (www.comune.milano.it/areab). La registrazione deve essere completata prima dell’accesso alla ZTL. Il periodo di validità della registrazione della targa decorre dal giorno di inserimento nel servizio on line Area B, è correlato al titolo giuridico di disponibilità del veicolo, non potrà eccedere il limite massimo di 1 anno
    • veicoli di proprietà o in uso esclusivo alle Forze Armate, alle Forze di Polizia, alla Polizia Locale, alle Associazioni che esercitano attività riconosciuta di primo soccorso o trasporto socio-sanitario programmato o di emergenza, agli Ospedali, alle ATS, ai Vigili del Fuoco, delle Organizzazioni riconosciute operanti in materia di protezione civile: gli interessati devono obbligatoriamente registrarsi al servizio on-line Area B accessibile dal Portale Internet del Comune di Milano (www.comune.milano.it/areab), allegando la seguente documentazione:- carta di circolazione del veicolo;- verbale di consegna per i veicoli in leasing o noleggio.La registrazione deve essere completata prima dell’accesso alla ZTL. Il periodo di validità della registrazione della targa decorre dal giorno di inserimento nel servizio on line Area B, è correlato al titolo giuridico di disponibilità del veicolo, non potrà eccedere il limite massimo di 1 anno
    • veicoli di proprietà o in uso esclusivo a Enti riconosciuti dall’Amministrazione comunale di Milano o da altre istituzioni preposte che agiscono nel settore dell’assistenza socio sanitaria per l’espletamento delle prestazioni gratuite di pronto soccorso e di assistenza pubblica la cui sede di servizio è all’interno del Comune di Milano: gli interessati devono obbligatoriamente registrarsi al servizio on-line Area B accessibile dal Portale Internet del Comune di Milano (www.comune.milano.it/areab), allegando la seguente documentazione:- carta di circolazione del veicolo;- verbale di consegna per i veicoli in leasing o noleggio;- copia del titolo giuridico necessario a verificare la disponibilità di una sede operativa all’interno della ZTL AreaB.La registrazione deve essere completata prima dell’accesso alla ZTL. Il periodo di validità della registrazione della targa decorre dal giorno di inserimento nel servizio on line Area B, è correlato al titolo giuridico di disponibilità del veicolo, non potrà eccedere il limite massimo di 1 anno
    • veicoli in uso agli operatori sociali riconosciuti dall’Amministrazione comunale di Milano che agiscono nel settore della salvaguardia degli animali sul territorio della Città di Milano: gli interessati devono obbligatoriamente registrarsi al servizio on-line Area B accessibile dal Portale Internet del Comune di Milano (www.comune.milano.it/areab), allegando la seguente documentazione:- carta di circolazione del veicolo;- verbale di consegna per i veicoli in leasing o noleggio;- atto convenzionale sottoscritto tra Comune di Milano e Associazione.La registrazione deve essere completata prima dell’accesso alla ZTL. Il periodo di validità della registrazione della targa decorre dal giorno di inserimento nel servizio on line Area B, è correlato al titolo giuridico di disponibilità del veicolo, non potrà eccedere il limite massimo di 1 annoAltre categorie di veicoliveicoli di proprietà o in uso esclusivo agli operatori sociali convenzionati con ospedali e ATS siti all’interno del Comune di Milano: gli interessati devono obbligatoriamente registrarsi al servizio on-line Area B accessibile dal Portale Internet del Comune di Milano (www.comune.milano.it/areab), allegando la seguente documentazione:- carta di circolazione del veicolo;- verbale di consegna per i veicoli in leasing o noleggio;- atto convenzionale sottoscritto tra ospedale/ASL e Associazione.La registrazione deve essere completata prima dell’accesso alla ZTL. Il periodo di validità della registrazione della targa decorre dal giorno di inserimento nel servizio on line Area B, è correlato al titolo giuridico di disponibilità del veicolo, non potrà eccedere il limite massimo di 1 anno

Veicoli che non possono entrare in Area B

Veicoli per trasporto persone

DAL 25 FEBBRAIO 2019

  • Euro 0 benzina
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel senza FAP       
  • Euro 3 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,025 g/km oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro 4            
  • a doppia alimentazione gasolio-GPL e gasolio-metano Euro 0, 1, 2

DAL 1° OTTOBRE 2019

  • Euro 4 diesel senza FAP
  • Euro 3, 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,0045 g/km
  • Euro 4 diesel con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione  (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato dopo 31.12.2018  e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4

DAL 1° OTTOBRE 2020

  • Euro 1 benzina

DAL 1° OTTOBRE 2022

  • Euro 2 benzina
  • Euro 3, 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione <= 0,0045 g/km
  • Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato entro 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4
  • Euro 5 diesel

DAL 1° OTTOBRE 2025

  • Euro 3 benzina
  • Euro 6 diesel A-B-C acquistati dopo 31.12.2018

DAL 1° OTTOBRE 2028

  • Euro 4 benzina
  • Euro 6 diesel A-B-C acquistati entro il 31.12.2018

DAL 1° OTTOBRE 2030

  • Euro 6 diesel D_TEMP
  • Euro 6 diesel 

Veicoli per trasporto cose

DAL 25 FEBBRAIO 2019

  • Euro 0 benzina
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel leggeri (N1)
  • Euro 0, I, II, III diesel pesanti (N2-N3) senza FAP   
  • Euro 3 diesel leggeri con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,025 g/km oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Euro III diesel pesanti (N2-N3) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,025 g/km oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel leggeri (N1)
  • Euro 0, I, II, III pesanti (N2-N3) con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro 4 / IV  
  • a doppia alimentazione gasolio-GPL e gasolio-metano Euro 0, 1, 2 e Euro I, II    

DAL 1° OTTOBRE 2020

  • Euro 1 benzina
  • Euro 4 leggeri diesel (N1) e Euro IV pesanti (N2-N3) senza FAP
  • Euro 3, 4 leggeri diesel (N1) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,0045 g/km
  • Euro 0, 1, 2, 3, 4 leggeri (N1) diesel e Euro 0, I, II, III, IV (N2-N3) con FAP after-market installato dopo 30.04.2019 e con classe massa particolato pari  almeno a Euro 4 – IV
  • Euro III, IV pesanti diesel (N2-N3) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,01 g/kWh
  • Euro 4 leggeri diesel (N1) e Euro IV pesanti (N2-N3) con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)

DAL 1° OTTOBRE 2024

  • Euro 2 benzina
  • Euro 3, 4 leggeri diesel (N1) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione <= 0,0045 g/km
  • Euro 0, 1, 2, 3, 4 leggeri diesel (N1) e Euro , I, II, III, IV pesanti diesel (N2-N3) con FAP after-market installato entro 30.04.2019 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4 – IV
  • Euro III, IV pesanti diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione <= 0,01 g/kWh
  • Euro 5 leggeri diesel (N1)
  • Euro V pesanti diesel (N2-N3) senza FAP
  • Euro V pesanti diesel (N2-N3) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,01 g/kWh oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Euro V pesanti diesel (N2-N3) con FAP after-market e con classe massa particolato inferiore a Euro VI

DAL 1° OTTOBRE 2025

  • Euro 3 benzina
  • Euro 6 diesel leggeri A-B-C (N1) acquistati dopo 31.12.2018

DAL 1° OTTOBRE 2028

  • Euro 4 benzina
  • Euro 6 diesel leggeri A-B-C (N1) acquistati entro il 31.12.2018

DAL 1° OTTOBRE 2030

  • Euro V pesanti diesel (N2-N3) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione <= 0,01 g/kWh
  • Euro V pesanti diesel (N2-N3) con FAP after-market e con classe massa particolato pari a Euro VI
  • Euro 6 diesel leggeri D_TEMP – D (N1)
  • Euro VI pesanti diesel (N2-N3) (I veicoli per trasporti speciali e ad uso specifico di classe Euro 6 / VI nonché gli autoveicoli pesanti N2-N3-M2-M3 ed autobus di classe Euro VI saranno derogati dalle limitazioni fino almeno al 17° anno dalla data di prima immatricolazione,fatte salve le disposizioni regionali in materia)
  • per trasporti specifici e per uso speciale Euro 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6 ed Euro 0, I, II, III, IV , V, VI diesel con FAP o che certifichino l’impossibilità di installare un FAP

Autobus

DAL 25 FEBBRAIO 2019

  • Autobus M2, M3 benzina di classe Euro 0
  • Autobus M3 TPL diesel di classe Euro 0, I, II senza FAP
  • Autobus M2, M3 non TPL diesel di classe Euro 0, I, II senza FAP
  • Autobus M2, M3 diesel di classe Euro III senza FAP
  • Autobus M2, M3 Euro III diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,02 g/kWh oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Autobus M2, M3 Euro 0, I, II, III diesel con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro IV
  • Autobus M2, M3 a doppia alimentazione gasolio-GPL e gasolio-metano Euro 0, I, II

DAL 1° OTTOBRE 2020

  • Autobus M2, M3 benzina di classe Euro I
  • Autobus M2, M3 diesel di classe Euro IV senza FAP
  • Autobus M2, M3 Euro III, IV diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,01 g/kWh
  • Autobus M2, M3 Euro IV diesel con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Autobus M2, M3 Euro 0, I, II, III, IV diesel con FAP after-market installato dopo 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro IV

DAL 1° OTTOBRE 2024

  • Autobus M2, M3 benzina di classe Euro II
  • Autobus M2, M3  Euro III, IV diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione <= 0,01 g/kWh
  • Autobus M2, M3 Euro 0, I, II, III, IV diesel con FAP after-market installato entro 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro IV
  • Autobus M2, M3 diesel di classe Euro V senza FAP
  • Autobus M2, M3 Euro V diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,01 g/kWh oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Autobus M2, M3 Euro V diesel con FAP after-market e con classe massa particolato inferiore a Euro VI

DAL 1° OTTOBRE 2025

  • Autobus M2, M3 benzina di classe Euro III

DAL 1° OTTOBRE 2028

  • Autobus M2, M3 benzina di classe Euro IV

DAL 1° OTTOBRE 2030

  • Autobus M2, M3 diesel Euro V con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione <= 0,01 g/kWh
  • Autobus M2, M3 Euro V diesel con FAP after-market e con classe massa pari a Euro VI
  • Autobus M2, M3 diesel di classe Euro VI (I veicoli trasporti speciali e ad uso specifico di classe Euro 6 / VI nonché gli autoveicoli pesanti ed autobus N2-N3, M2-M3 di classe Euro VI sono derogati dalle limitazioni fino almeno al 17° anno dalla data di prima immatricolazione (fatte salve le disposizioni regionali in materia

Motoveicoli e ciclomotori

DAL 25 FEBBRAIO 2019

  • a due tempi Euro 0, 1

DAL 1° OTTOBRE 2019

  • a gasolio Euro 0, 1

DAL 1° OTTOBRE 2024

  • a due tempi Euro 2
  • a gasolio Euro 2
  • a benzina  a quattro tempi Euro 0, 1

DAL 1° OTTOBRE 2025

  • a due tempi Euro 3
  • a gasolio Euro 3
  • a benzina  a quattro tempi Euro 2        

DAL 1° OTTOBRE 2028

  • a benzina a quattro tempi Euro 3

DAL 1° OTTOBRE 2030

  • a due tempi Euro 4
  • a gasolio di classe Euro 4, 5

MOTIVAZIONI DEL PROVVEDIMENTO:

Nel maggio 2018 l’Italia è stata deferita alla Corte Europea per il mancato rispetto dei limiti di qualità dell’aria relativi al PM10 ed è ancora aperta la procedura di infrazione per il superamento dei limiti di qualità dell’aria relativi al biossido d’azoto (NO2).

Secondo lo IARC (International Agency for Research of Cancer) dell’OMS, l’inquinamento atmosferico è un agente «sicuramente cancerogeno» (classe di rischio 1).

La componente dell’inquinamento dell’aria sottoposta a una specifica valutazione è quella del particolato atmosferico, per il quale è stata dimostrata una correlazione tra l’aumento di mortalità e l’esposizione media annuale alle concentrazioni di PM2,5, oltre che un aumento di rischio per le malattie tumorali quali il cancro al polmone (+22% di incidenza per aumento di 10microgrammi/mc PM10).

torte grafici

Area B è equa: limita l’accesso ai veicoli più vecchi e più inquinanti, consentendo l’accesso solo negli orari di utilizzo meno intenso e frequente, non penalizzando l’accesso occasionale.

 Area B è efficace: interviene sul 65% delle emissioni atmosferiche annue prodotte oggi da traffico veicolare.

 Tra il 2019 e il 2026, l’Area B consente di ridurre le emissioni atmosferiche da traffico complessivamente di circa 25 tonnellate di PM10 allo scarico e di 900-1.500 tonnellate di ossidi di azoto.

PM10: l’accelerazione è immediata – 14% di emissioni nel 2019; – 24% nel 2020, – 21% nel 2021. Nei primi 4 anni le emissioni di PM10 si riducono della metà (15t).

Nox: l’accelerazione avviene tra il 2023 e il 2026 con – 11% ogni anno. Tra il 2019 e il 2022 la diminuzione è –  4%-5% all’anno.

pm10 nox
  • FONTE: COMUNE DI MILANO – SERVIZI MOBILITA’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.