ADDIO AL PONTE MORANDI

Demolito il Ponte Morandi: alle 9,37 l’esplosione delle pile 10 e 11.
Un suono di sirena per dare il via alla demolizione di ciò che resta del Ponte Morandi di Genova. Alle 9.37 del mattino di venerdì 28 giugno l’esplosione delle pile 10 e 11 del viadotto, preceduta dal suono della sirena ripetuto tre volte: in sei secondi quello che restava dei piloni si è sbriciolato, sollevando una nube di polvere.
L’abbattimento con una tonnellata di esplosivo di due pile del ponte crollato il 14 agosto scorso era previsto per le 9 di venerdì ma è slittato: si temeva che ci fosse un anziano barricato in casa. In realtà quando la Protezione Civile è entrata nell’appartamento non ha trovato nessuno. In una seconda abitazione sono stati trovati due extracomunitari che guardavano la tv e che hanno affermato di non sapere nulla dell’evacuazione. Una volta informati, sono usciti di loro spontanea volontà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.